Regolamento del Consiglio - Istituto Italiano dei Castelli - Sezione Campania

Vai ai contenuti

Menu principale:

Istituto > Gli atti dell'Istituto

Regolamento del Consiglio Scientifico
Il regolamento è stato approvato all'unanimità dal LXXVI Consiglio Scientifico nella seduta di Bologna del 22 febbraio 1992 e pubblicato con precisazioni a completamento dell'art. 3 su "Cronache Castellane" n. 112/92.

-

Art. 1

Il consiglio scientifico (C.S.) è costituito da un massimo di 30 membri effettivi. Questi devono essere soci dell'Istituto ed iscritti alle rispettive sezioni. La nomina avviene per cooptazione votata dalla maggioranza di 2/3 dei presenti nella seduta successiva a quella nella quale viene proposta la candidatura e dovrà essere ratificata dal consiglio direttivo. Ogni proposta di nuovo membro dovrà essere presentata da un membro del C.S. e accompagnata da un curriculum "scientifico" del candidato, che verrà inviato ai vari membri.

Art. 2

Al compimento dei 70 anni i membri effettivi diventano membri d'onore. I membri d'onore sono soprannumerari, non hanno l'obbligo di presenza né di votazione. Essi possono essere chiamati, all'unanimità del C.S. a reggere la Presidenza, nonché a partecipare alle commissioni di cui al successivo art. 6.

Art. 3

Gli assenti da una seduta hanno la possibilità d'inviare note o memorie sugli argomenti trattati in loro assenza. Tali istanze verranno lette nel corso della seduta, a cura del segretario del C.S. L'eventuale assenza ingiustificata alle riunioni per tre volte consecutive comporta la decadenza della carica di consigliere scientifico.

Art. 4

Le cariche del C.S. sono: il presidente, il vice presidente, il segretario. Queste cariche sono triennali. L'elezione a queste cariche avviene a maggioranza semplice e a votazione segreta. Per le modalità non previste dal presente Regolamento valgono quelle previste dal regolamento dell'Istituto per il consiglio direttivo.

Art. 5

Si decade da consigliere per:
a) Dimissioni dall'Istituto o non più appartenenza allo stesso per qualsiasi motivo;
b) Dimissioni dal C.S. stesso;
c) Assenze ingiustificate (vedi art. 3, ultimo comma).

Art. 6

Compiti del C.S. sono:
a) individuare e promuovere gli indirizzi culturali di base per le attività scientifiche dell'Istituto e del consiglio direttivo;
b) scegliere tra i propri membri cinque componenti del Comitato di redazione della Rivista "Castellum", ogni tre anni;
c) Istituire e discutere le proposte delle sezioni per l'assegnazione delle targhe di segnalazione ai castelli o ai proprietari per situazioni o comportamenti esemplari. Le relative indagini in merito saranno affidate a commissioni da nominare volta per volta e inviate con parere motivato al consiglio direttivo;
d) Nominare commissioni di studio o per risolvere problemi particolari.

Art. 7

Le norme del presente Regolamento possono essere soggette a revisione ogni qualvolta i 2/3 dei membri del C.S. lo ritengono necessario per migliorare l'adempimento dei propri compiti istituzionali.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu